Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

OGGETTO: MODALITA’ ESERCIZIO DEL DIRITTO DI VOTO

Care amiche, cari amici,

in previsione delle elezioni politiche del 25 settembre p.v., ci fa piacere condividere le modalità operative per il regolare esercizio del diritto di voto da parte delle persone con disabilità.
Voto assistito – accompagnamento in cabina (art. 41, comma 2, D.P.R. n. 570 del 1960, come modificato dalla legge n. 17 del 2003). Gli elettori con disabilità nell’esprimere il voto possono richiedere di essere accompagnati all’interno della cabina da un altro elettore, purché iscritto nelle liste elettorali di un qualunque Comune italiano.
Condizioni per la richiesta: cecità, amputazione delle mani, paralisi o “altro impedimento di analoga gravità”, tale da impedire l’autonoma manifestazione del voto.
Gli elettori che riportano sulla tessera elettorale il simbolo o il timbro “AVD” – annotazione permanente al voto assistito – vengono ammessi al voto con l’aiuto di un accompagnatore senza altra formalità.
Devono, inoltre, essere ammessi al voto assistito coloro che, affetti da cecità assoluta, esibiscano il libretto nominativo rilasciato dall’INPS con il corrispondente codice fascia: 06; 07; 10; 11; 15; 19 (cfr., Tabella M1, allegata alla circolare INPS n. 197 del 23 dicembre 2021).
Le persone con cecità parziale nonché coloro riconosciuti ai sensi della legge 138/2001 in uno stato di ipovedenza (grave, medio-grave e lieve) sono tenuti, invece, a sottoporsi comunque alla visita medico-legale presso l’Azienda Sanitaria locale ai fini dell’accertamento della capacità di espressione autonoma del diritto di voto.
Più in sintesi, gli elettori possono essere ammessi al voto con l’aiuto di un accompagnatore di fiducia nei seguenti casi:
a) quando si presentino al seggio con la tessera elettorale nella quale sia apposto il sopra cennato simbolo o codice “AVD”;
b) quando esibiscano l’apposito certificato medico, rilasciato dall’Azienda Sanitaria (art. 55 T.U. 30 marzo 1957, n. 361 e art. 41 T.U. 16 maggio 1960, n. 57);
c) unicamente per i ciechi assoluti, quando esibiscano documentazione INPS recante uno dei seguenti codici fascia 06; 07; 10; 11; 15; 19.
In riferimento al punto lett. b), si precisa che il Consiglio di Stato – Sezione Quinta, con sentenza n. 1721/2011 del 14 gennaio 21- marzo 2011, ha affermato che non sono conformi alle disposizioni che regolano il procedimento elettorale i certificati medici che, nell’attestare l’esistenza di un’infermità fisica che impedisce all’elettore di esprimere il voto senza l’aiuto di un altro elettore, non indichino anche la relativa patologia. La conoscenza della patologia addotta dall’elettore, infatti, è funzionale all’esercizio dei poteri spettanti al Presidente di seggio, il quale, ai fini di tale esercizio, potrà fare tutti gli accertamenti e le valutazioni “fino a disattendere la certificazione esibita allorquando sussistono elementi tali da indurlo a ritenere che questa sia falsa o che il giudizio medico, se non deliberatamente artefatto, sia quantomeno non rispondente a canoni della scienza medica universalmente accettati”. Conseguentemente, nell’apposito spazio del certificato destinato alla indicazione del “motivo specifico” per cui l’elettore fisicamente impedito è stato autorizzato a votare mediante accompagnatore, non sarebbe sufficiente trascrivere la mera e generica espressione “infermità” eventualmente riportata nel certificato medico.
Nota bene. Gli elettori con ipovisus – che hanno necessità di portare all’interno della cabina elettorale strumentazione assistiva (ad esempio, un ingranditore portatile) – potrebbero richiedere al Medico dell’ASL l’espressa annotazione, nel certificato per l’esercizio del voto di elettore fisicamente impossibilitato, secondo cui l’alternativa all’assistenza è possibile e ammissibile con l’uso di ingranditori in suo possesso. Onde evitare fraintendimenti, si precisa che detta circostanza non trova una espressa regolamentazione nella normativa per il voto assistito, per cui quanto Vi suggeriamo circa la strumentazione assistiva rientra nelle soluzioni ragionevolmente esperibili, che il Presidente di seggio, in ogni caso, non potrà ignorare, né tanto meno omettere nella verbalizzazione.
A tal proposito, il Presidente di seggio è chiamato a svolgere le seguenti formalità:
a) richiedere all’accompagnatore della persona con disabilità la tessera elettorale per assicurarsi che egli sia elettore e che non abbia già svolto la funzione di accompagnatore (all’interno di uno degli spazi per la certificazione del voto viene specificato “Accompagnatore … (data) … (sigla del Presidente)”, senza il bollo della sezione);
b) verificare, con apposita domanda, se l’elettore abbia liberamente scelto il suo accompagnatore e se ne conosca il nome e il cognome;
c) trascrivere sul verbale anche il motivo specifico dell’assistenza nella votazione, il nome dell’autorità sanitaria che abbia accertato l’impedimento e rilasciato il certificato, nonché il nome e cognome dell’accompagnatore.
Voto domiciliare (legge n. 46 del 7 maggio 2009, recante modifiche all’art. 1 del decreto-legge 3 gennaio 2006, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 gennaio 2006, n. 22). Sono ammessi al voto domiciliare gli elettori affetti da gravi infermità in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali e gli elettori affetti da gravissime infermità, tali da impedirne l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano.
La richiesta di voto a domicilio si presenta nel periodo compreso tra il 40° e il 20° giorno antecedente la data di votazione.
Condizioni per la richiesta: gravissima infermità o infermità fisica che comporti dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali.
Ai fini dell’esercizio del diritto di voto è necessario:
– far pervenire all’Ufficio comunale una dichiarazione attestante la volontà di votare presso l’abitazione in cui si dimora, indicandone l’indirizzo completo e un idoneo recapito telefonico;
– la stessa dichiarazione va corredata di copia della tessera elettorale e di un documento in corso di validità.
– allegare alla richiesta un certificato, rilasciato dal funzionario medico, designato dagli organi competenti dell’Azienda Sanitaria Locale, di data non anteriore al 45° giorno antecedente la data della votazione, che attesti l’esistenza delle condizioni di gravissima infermità, tali che l’allontanamento dall’abitazione in cui si dimora risulti – in ogni caso – impossibile, con prognosi di almeno 60 giorni decorrenti dalla data di rilascio del certificato, o l’esistenza di condizioni di grave infermità con dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali, tale da impedire all’elettore di recarsi al seggio.
Nota bene. Per il rilascio – a titolo gratuito – delle menzionate certificazioni mediche, finalizzate all’esercizio del diritto di voto (voto assistito e voto domiciliare), è necessario rivolgersi agli ambulatori di Medicina Pubblica presso i Distretti sanitari delle Aziende Sanitarie di appartenenza.
Si fa presente, infine, che l’art. 29, comma l, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, dispone che, in occasione di consultazioni elettorali, i Comuni debbano organizzare servizi di trasporto pubblico a tutela delle persone con disabilità, al fine di favorire il raggiungimento dei seggi da parte dei predetti elettori. Per maggiori informazioni, occorre rivolgersi ai competenti Uffici comunali di appartenenza.
Inoltre, ai sensi della legge 15 gennaio 1991, n.15, gli elettori non deambulanti, nel caso in cui la sede della sezione nella quale sono iscritti non sia accessibile mediante sedia a ruote, possono esercitare il diritto di voto in un’altra sezione del proprio Comune allocata in locali esenti da barriere architettoniche.

Linda Legname – Vice Presidente Nazionale

CHIUSURA ESTIVA UFFICI SEZIONALI

Cari soci, siamo a comunicare che gli uffici della nostra sezione di via Bersezio, 15 Cuneo saranno chiusi per ferie da venerdì 12/08/2022 al venerdì 02/09/2022.
Si riaprirà il lunedì 05/09/2022 cogliamo l’occasione per augurarvi un buon ferragosto. Cordiali saluti.
La Presidente
Nives Torta

OGGETTO: BONUS 200 EURO (INDENNITA’ UNA TANTUM)

Care amiche, cari amici,

con circolare n. 73 e messaggio n. 2559, entrambi del 24 giugno 2022, l’INPS ha diramato le prime, essenziali, precisazioni e istruzioni operative sul cosiddetto bonus di 200,00 euro previsto dal c.d. “Decreto aiuti” (decreto-legge n. 50 del 17 maggio 2022), in favore di pensionati e lavoratori dipendenti, ivi comprese le categorie degli autonomi, dei domestici e degli stagionali.
Con il precedente messaggio n. 2397 del 13 giugno scorso, l’Istituto previdenziale si era limitato a tracciare il quadro normativo della materia, senza però addentrarsi nell’ambito operativo.
Molti lavoratori non vedenti, già nelle settimane scorse, hanno ricevuto dai datori di lavoro un facsimile di autocertificazione da compilare e firmare; ragione per la quale hanno ritenuto necessario investire le nostre sedi e strutture di numerose richieste di chiarimenti.
Considerati i quesiti ricevuti, possiamo ora affermare quanto segue.
– Lavoratori dipendenti non vedenti (art. 31). Il bonus viene erogato direttamente dai datori di lavoro e dalle Amministrazioni Pubbliche. La parte datoriale deve acquisire dal lavoratore una dichiarazione in cui l’interessato fa presente di non avere una retribuzione mensile imponibile ai fini previdenziali superiore a 2.692 euro al mese e di non essere percettore, al contempo, di pensioni, assegni assistenziali per minorazioni civili (pensione di cecità cat. INVCIV, ad esempio), o altre misure assistenziali quali l’assegno ordinario di invalidità (cat. IO).
Per alcune amministrazioni pubbliche il meccanismo di pagamento dovrebbe essere automatico (senza la necessità di presentare alcuna domanda), ma questo vale solo laddove l’Amministrazione abbia una apposita convenzione con il MEF. Nel dubbio, si consiglia ai lavoratori pubblici di rivolgersi al proprio Ufficio del Personale per accertarsi della necessità o meno, di presentare un’apposita istanza/richiesta.
I lavoratori che compilano la dichiarazione per il datore di lavoro, se percepiscono unicamente l’indennità speciale o di accompagnamento, senza pensione cat. INVCIV o anche senza assegno ordinario di invalidità (cat. IO), non devono indicare di essere beneficiari di prestazioni previste dall’art. 32. A ogni buon conto, sperando di rendere meglio l’idea, vi condividiamo un facsimile esemplificativo.
– Pensionati non vedenti (art. 32). Sia i titolari di prestazioni previdenziali (pensioni di anzianità e vecchiaia, o di reversibilità), sia quelli di prestazioni assistenziali (pensione sociale, assegni e pensioni per minorazioni civili, come appunto la pensione di cecità, assegno ordinario di invalidità), riceveranno il bonus direttamente dall’INPS (fermo restando il rispetto del limite massimo personale – per l’anno 2021 – di 35.000,00 euro lordi annuali). Non sarà, quindi, necessario presentare nessuna domanda.
Come anticipato, dalla platea dei “pensionati” sono esclusi i titolari di sola indennità speciale o di accompagnamento. Costoro, infatti, se non percepiscono contestualmente trattamenti previdenziali e assistenziali, come la pensione di cecità o l’assegno ordinario di invalidità (cat. IO), usufruiranno del bonus nell’altra veste, ossia quella di “lavoratore dipendente”.
Invece, nelle ipotesi di soggetto avente diritto, sia come titolare di trattamento pensionistico e assistenziale, sia come lavoratore attivo, il beneficio sarà corrisposto direttamente dall’INPS e una sola volta, in qualità di soggetto titolare del trattamento pensionistico o assistenziale.
Nota bene: si chiarisce che per “trattamenti di accompagnamento alla pensione” devono intendersi l’APE sociale, l’APE volontario, l’indennizzo ai commercianti, gli assegni a carico dei Fondi di solidarietà, etc. Si tratta, quindi, di trattamenti che nulla hanno a che vedere con l’indennità di accompagnamento per ciechi civili assoluti o invalidi civili.
Altro requisito essenziale è la residenza in Italia alla data del 1º luglio 2022.
Va chiarito, infine, che l’indennità di 200,00 euro non costituisce reddito ai fini fiscali. Detto importo, pertanto, viene “neutralizzato” nel calcolo del limite annuale fissato per la percezione delle pensioni e degli assegni cat. INVCIV.
La norma, di per sé, è più complessa e interessa anche altre categorie di lavoratori; ragione per la quale taluni casi specifici dovranno essere affrontati in maniera circostanziata.

Vive cordialità a tutte e tutti.
Mario Barbuto- Presidente Nazionale

FINE SETTIMANA AL FRESCO SULL’APPENNINO MODENESE

SE DESIDERATE TRASCORRERE QUALCHE GIORNO IN COMPAGNIA E IN ALLEGRIA, ALL’INSEGNA DEL MOVIMENTO E DEL DIVERTIMENTO, UNITEVI A NOI!!
QUESTA È L’OCCASIONE GIUSTA.

QUANDO: da Giovedì 14 a domenica 17 Luglio c.a.

DOVE: Il soggiorno si svolgerà in un residence a Montecreto, una bellissima località sull’appennino modenese.
Saranno a vostra disposizione camere doppie, triple e quadruple.
Per le poche camere singole disponibili è richiesta una maggiorazione del 10%
Quota di partecipazione euro 200,00 con trattamento di mezza pensione, bevande escluse.
I pranzi saranno a carico dei partecipanti e verranno consumati sul luogo a seconda degli itinerari previsti.

Per chi arriverà alle STAZIONI FERROVIARIE DI MODENA E BOLOGNA, sarà disponibile il trasporto per il quale è richiesto un contributo di €30,00 per andata e ritorno.
Il programma prevede tante pedalate in compagnia, insieme alle Guide brevettate con diploma di cicloturismo, che vi porteranno in giro con Tandem elettrici e Handybike.
Inoltre golf per tutti e in particolare per non vedenti, visita all’Aeroporto di Pavullo e visite culturali a Pavullo (Modena).
Come previsto dalle autorità del posto, sarà obbligatorio il tesseramento, comprensivo di assicurazione per conto terzi, per coloro che parteciperanno alle attività sportive.
Il costo è di €30,00

ISCRIZIONI:
Per l’iscrizione occorre inviare una mail all’indirizzo sciclubparalimpiccimone@gmail.com indicando il numero di partecipanti e, se presente, il tipo di disabilita’, entro e non oltre il 20 Giugno c.a., versando un anticipo di € 100,00 sul c.c. IT71T0538712919000001991476 della Banca Popolare E.R. Ag. 11 Modena, intestato a
Sci Club Paralimpic Cimone, causale Iscrizione vacanza a Montecreto.

PROGRAMMA:
1 – Giovedì 14 – TUTTI A IMPARARE LO SPORT DEL GOLF a Sestola,
Vi aspettiamo direttamente presso ilv MINIGOL SESTOLA, via Dello Sport 5
Si trova sulla strada che da Fanano va a Sestola
Dalle ore 10 alle ore 13 lezioni di GOLF, consumeremo il pranzo sul posto
Pomeriggio trasferimento a Montecreto dove alloggeremo
Cena
-Saluto delle autorità
-Incontro con il pluricampione di sci nautico paralimpico Daniele Cassioli:
Il 25 volte campione del mondo e 25 volte campione d’Europa, interverrà per parlare dell’importanza dello sport nella disabilita’ e presentare il suo ultimo libro “Insegna al cuore a vedere”.
-Estrazione della lotteria, con bellissimi premi, a Montecreto (anziché a Fanano),

2 – Venerdì 15 – Visita al Castello di Sestola e al Castello di Montecuccoli di Pavullo
Il programma verrà suddiviso tra il mattino e il pomeriggo
Pranzo , stiamo prendendo accordi
Cena

3– Sabato 16 – Visita all’ AGRITURISMO LE BORRE, EQUITAZIONE.
Pranzo – presso l’Agriturrismo
Cena
Sabato sera musicale, con balli e canti proposti dai partecipanti artisti e da tutti coloro che si vogliono unire.
Tutti i ragazzi e gli adulti, con o senza Handicap, potranno provare a pedalare con HANDIBIKE.

4 – Domenica 17 – Colazione e preparazione partenze

Il programma sarà suscettibile di qualche cambiamento in caso di pioggia.

Nella speranza che il programma sia di vostro gradimento, Vi aspettiamo il giorno 14 Luglio 2022 al mattino possibilmente entro le ore 10 presso il MINIGOLF di Sestola
Un caro saluto

ASD
SCI CLUB PARALIMPIC CIMONE
Sede Legale: Via Pegli n. 25 – 41125 MODENA (Italy)
Sede Operativa: Comprensorio del Cimone
www.SCICLUBPARALIMPICCIMONE.EU
FACEBOOK – SCI CLUB PARALIMPIC CIMONE
Tel. 059-393684 cel. 333 98 26 992

GITE IN BARCA – STAGIONE 2022

Carissimi,
La sezione UICI Ancona per la stagione estiva 2022 organizza delle uscite in barca a vela aperte ai soci ed ai loro accompagnatori lungo la Riviera del Conero, sia a scopo ricreativo, sia come modalità di avvicinamento al mondo della vela.

La Riviera del Conero si caratterizza per la sua costa rocciosa e frastagliata, che spezza a metà la lunga fascia del litorale Adriatico da Trieste al Gargano, caratterizzata invece da coste basse e sabbiose. Il nucleo di questa riviera è il Monte Conero, situato nella provincia di Ancona, che ospita una parte marittima della città, Sirolo e Numana.
La particolarità della riviera è quella di essere composta da spiagge situate sotto la parete rocciosa del monte e composte da ciottoli bianchi, da baie, grotte sul mare e alberi che arrivano a ridosso dell’acqua salata, offrendo al visitatore dei paesaggi tutti da esplorare.

Le uscite hanno programmi di diversa durata
-Iniziativa giornaliera:
Partenza entro le 10 di mattina, veleggiata sulla riviera del Conero, bagno sulle più belle spiagge della riviera, sosta in barca per il pranzo, rientro ore 18.
Costo a persona 60 euro pranzo escluso, almeno 5 partecipanti massimo 6, oppure noleggio imbarcazione euro 300.
Verrà offerto un aperitivo in barca.
Supplemento con pranzo e bevande 15 euro a persona.

-Iniziativa week-end:
Venerdì pomeriggio imbarco, giro su riviera del Conero, cena a bordo e pernottamento in barca.
Sabato mattina colazione in barca, veleggiata sul Conero, bagno sulle baie più belle della riviera, pranzo a bordo; Pomeriggio rientro in porto, visita al Museo Omero, cena in locale cittadino o cena a bordo.
Domenica colazione, veleggiata sul Conero, bagno, pranzo a bordo, rientro in porto tardo pomeriggio possibilità di pernottamento in barca o partenza.
Numero massimo dei partecipanti per week-end 4 disposti su 2 cabine doppie.
Costo iniziativa 250 euro a persona.
Esclusi i costi della cambusa, carburante Su richiesta lo stesso programma può essere effettuato durante la settimana “3/4 giorni”.

-Iniziativa settimanale:
È possibile organizzare una settimana intera visitando sia la riviera che la vicina Croazia.
Per questa tipologia contattare direttamente il responsabile.

Per eventuali prenotazioni ed informazioni contattare Andrea Cionna al numero 3355320801, o mandare un’email all’indirizzo andreacionna0@gmail.com

UNA GITA IN MONTAGNA

Cari soci sono a presentarvi un’iniziativa spettacolare…

GITA IN MONTAGNA
SABATO 18 GIUGNO una giornata tra i monti della Valle Maira
Presso la CAPANNA FRANCO ELLENA Grange Ghiotti San Michele Prazzo 2020 m. di altitudine.
PROGRAMMA:
• Ritrovo a Cuneo in piazza Galimberti davanti al tribunale alle h. 7,30
• Arrivo previsto in loco verso le h. 09,00
• Ore h. 12,00 pranzo presso la Capanna Franco Ellena (salame, pasta, formaggio e dolce)
• Costo della gita € 10,00.
Arrivo con il pulmino in Borgata De Costanzi, qui ci aspetteranno gli amici del CAI di Dronero per accompagnarci nella camminata di circa 2 ore su comoda strada carrozzabile per raggiungere le Grange Chiotti.
E’ consigliabile abbigliamento da trekking ed avere con se una scorta d’acqua da consumare nel corso dell’escursione.

Per motivi organizzativi la gita prevede un massimo di 15 partecipanti.
E’ indispensabile la prenotazione entro e non oltre il 14 giugno con il versamento dell’intera quota, presso la sezione UICI di Cuneo.
Per ulteriori informazioni contattare Simona della sezione UICI di Cuneo al 0171 67661.

La Presidente
Torta Nives

PREMIO “ANTONIO MUNOZ” 2022 PER STUDENTI CON DISABILITA’ VISIVA

Da oltre 40 anni il MAC indice annualmente un premio intitolato ad Antonio Muñoz, professore non vedente di Latina alla cui memoria è dedicato, con l’obiettivo di promuovere la migliore qualità dell’inclusione e dell’istruzione scolastica delle persone con disabilità visiva.
Possono partecipare gli studenti, ciechi o ipovedenti, che hanno frequentato nell’anno scolastico 2021/2022 la scuola primaria o la scuola secondaria di I e II grado. Saranno attribuiti sei premi di cui due per la scuola primaria, con un importo ciascuno di € 300,00, due per la scuola secondaria di primo grado, con un importo ciascuno di € 400,00, e due per la scuola secondaria di secondo grado, con un importo ciascuno di € 500,00.
Vi chiediamo di dare ampia diffusione all’iniziativa e, a tal fine, alleghiamo alla presente il regolamento del Premio con i relativi moduli di partecipazione, ricordando che il termine per la presentazione delle domande scade il 31 luglio 2022.
Ringraziando per la collaborazione vi salutiamo cordialmente.
Il Presidente Nazionale L’Assistente Ecclesiastico Nazionale
Avv. Michelangelo Patanè Don Alfonso Giorgio

GITA IN MONTAGNA

SABATO 18 GIUGNO una giornata tra i monti della Valle Maira
Presso la CAPANNA FRANCO ELLENA Grange Ghiotti San Michele Prazzo 2020 m. di altitudine.
PROGRAMMA:
• Ritrovo a Cuneo in piazza Galimberti davanti al tribunale alle h. 7,30
• Arrivo previsto in loco verso le h. 09,00
• Ore h. 12,00 pranzo presso la Capanna Franco Ellena (salame, pasta, formaggio e dolce)
• Costo della gita € 10,00.
Arrivo con il pulmino in Borgata De Costanzi, qui ci aspetteranno gli amici del CAI di Dronero per accompagnarci nella camminata di circa 2 ore su comoda strada carrozzabile per raggiungere le Grange Chiotti.
E’ consigliabile abbigliamento da trekking ed avere con se una scorta d’acqua da consumare nel corso dell’escursione.

Per motivi organizzativi la gita prevede un massimo di 15 partecipanti.
E’ indispensabile la prenotazione entro e non oltre il 14 giugno con il versamento dell’intera quota, presso la sezione UICI di Cuneo.
Per ulteriori informazioni contattare Simona della sezione UICI di Cuneo al 0171 67661.

NUOVO SPORTELLO UICI DI ALBA

GAZZETTA D’ALBA – MARTEDÌ 17 MAGGIO 2022 9
Alba e dintorni

Nuovo sportello dell’Unione ciechi
SERVIZI
¬ È stato inaugurato sabato scorso il nuovo sportello della sezione cuneese dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti. Da due anni era stato sospeso il servizio nella zona di Alba e Bra a causa della pandemia: la sede si trovava nella Casa del volontariato di corso Europa, luogo poco accessibile per i tanti soci. Il nuovo accordo con il Consorzio socio-assistenziale, dopo un primo progetto congiunto sul turismo accessibile, permetterà ai soci di Alba e dintorni, che sono circa ottanta (a cui se ne aggiungono una cinquantina a Bra), di potersi recare nei nuovi locali di via Como 4/A, in pieno centro storico, che saranno aperti un mercoledì al mese (8 giugno, 13 luglio e 10 agosto) fino a settembre, quando l’apertura sarà ogni quindici giorni: l’orario è al mattino dalle 10 alle 12 e al pomeriggio dalle 14 alle 16. L’associazione ha il compito di tutelare i diritti morali e materiali di chi vede poco o nulla, per cui i soci potranno recarsi allo sportello per accedere alla consulenza per l’invalidità civile, per domandare le tessere del trasporto pubblico, per chiedere informazioni o per fare uso del servizio di audiolibri. Il consigliere provinciale Simone Zenini racconta: «Oltre ai servizi amministrativi, ci impegneremo a organizzare incontri ed eventi con i soci: corsi di danza, attività di sensibilizzazione, progetti di turismo accessibile e corsi di formazione». Per prenotarsi, se si ha bisogno di portare documenti, o per avere informazioni si può chiamare il numero 0171-67.661 o mandare una e-mail a uiccn@uici.it.

SALONE DEL LIBRO DI TORINO – 19/23 MAGGIO 2022

Dal 19 al 23 maggio UICI sarà infatti presente al Salone Internazionale del Libro con un proprio stand, curato insieme al Centro Nazionale del Libro Parlato, in cui tutti i giorni darà la possibilità ai visitatori di partecipare ad uno speciale percorso immersivo per conoscere il mondo della disabilità visiva.
L’iniziativa dell’UICI, dal titolo “Entra in cabina, spegni la luce”, consentirà di vivere un’esperienza di ascolto al buio attraverso una voce narrante che guiderà i visitatori nell’ascolto di brani scelti per comprendere il mondo della cecità e toccare con mano libri tattili e altri oggetti di uso quotidiano dei non vedenti.
Lo stand di UICI è J01 situato nel Padiglione 2. Il Salone del Libro sarà aperto nei seguenti orari: giovedì 19 maggio dalle 10 alle 20; venerdì 20 e sabato 21 maggio dalle 10 alle 21; domenica 22 e lunedì 23 maggio dalle 10 alle 20.
Da segnalare anche l’iniziativa del Reading al buio organizzata da Fondazione LIA (Libri Italiani Accessibili) per scoprire come un libro accessibile può essere letto senza distinzioni sia attraverso la vista che attraverso la barra Braille e la sintesi vocale. L’appuntamento è per venerdì 20 maggio alle 15.00 presso la Sala Lisbona del Centro Congressi.
Vi aspettiamo numerosi.
# cultura# eventi

Dacci il 5!

Con la tua prossima dichiarazione dei redditi, sostieni le nostre attività destinando a noi il tuo 5x1000!
Codice fiscale 80006830048
Più informazioni

Vuoi sostenerci?

Puoi fare una donazione tramite bonifico bancario.

Il nostro IBAN è IT28V0845010200000000001722